A CARTE SCOPERTE Guida didattica

Documenti Gli uomini di buona volontà riescono facilmente a scoprire da soli i semplici segreti dell arte del viaggiare. Uno di essi non vorrà bere a Siracusa la birra di Monaco e, nel caso la ottenesse, non la troverà insipida e cara. Non andrà in paesi stranieri senza conoscerne, almeno un poco, la lingua. Non giudicherà paesaggi, uomini, costumi, cucina e vino di una terra straniera secondo i criteri in uso nella sua patria, non desidererà che il veneziano sia più energico, il napoletano più silenzioso, il bernese più gentile, il Chianti più dolce, la riviera più fresca, la costa della laguna più erta. Cercherà invece di adattare i propri modi di vita alle usanze e alla natura del luogo, a Grindelwald, località alpina in Svizzera, si alzerà presto e a Roma tardi e così di seguito. E soprattutto cercherà, ovunque sia, di avvicinarsi al popolo e di capirlo. Non frequenterà dunque comitive di viaggio internazionali e non abiterà nei grandi alberghi internazionali, ma in pensioni dove i padroni e i dipendenti sono del posto, o meglio presso privati nel cui ambiente domestico potrà avere un idea del genere di vita che si conduce. [ ] La poesia del viaggiare non sta nella distensione che si prova interrompendo la monotonia della vita quotidiana, il lavoro, le preoccupazioni, né nello stare insieme casualmente ad altre persone, o nella contemplazione di cose nuove, diverse. Non sta nemmeno nell appagamento di una curiosità. Sta invece nel fare esperienze nuove, nell arricchirsi, in quell assimilazione organica di novità, nella crescente consapevolezza dell unità nel molteplice, di quel grande intreccio tra terra e umanità; nel ritrovare infine antiche verità e antiche leggi in un contesto assolutamente nuovo. Hermann Hesse, Il vagabondo, Roma, Tascabili economici Newton, 1995 1. Che cosa pensi dell affermazione di Hesse che il viandante «Non giudicherà paesaggi, uomini, costumi, cucina e vino di una terra straniera secondo i criteri in uso nella sua patria ? .................................................................................................................................................................................................................................................................................................. .................................................................................................................................................................................................................................................................................................. .................................................................................................................................................................................................................................................................................................. 2. Nelle tue esperienze di viaggio sei riuscito a mettere in gioco lo spirito di adattamento e di comprensione delle usanze del posto? .................................................................................................................................................................................................................................................................................................. .................................................................................................................................................................................................................................................................................................. .................................................................................................................................................................................................................................................................................................. 3. Chi differenza c è tra viaggiare per interrompere la monotonia della vita quotidiana, viaggiare per appagare una curiosità e viaggiare per arricchirsi nella crescente consapevolezza dell unità del molteplice ? .................................................................................................................................................................................................................................................................................................. .................................................................................................................................................................................................................................................................................................. 79 #sìviaggiare Hermann Hesse (Calw, W rttemberg, 1877 - Montagnola, presso Lugano, 1962) è stato uno scrittore, poeta, filosofo e pittore tedesco naturalizzato svizzero, insignito del premio Nobel per la letteratura nel 1946. Nella sua riflessione sul viaggio propone una visione diversa dal mordi e fuggi . Ogni viaggio di piacere o di studio deve significare un voler bene, un voler studiare, un donare se stessi. 8
A CARTE SCOPERTE Guida didattica