A CARTE SCOPERTE Guida didattica

i testimoni Edith Stein nasce il 12 ottobre 1891, in una famiglia ebrea di Breslavia (ora territorio polacco). Nasce, ultima di sette figli, proprio durante una festa religiosa ebraica, nel giorno del Kippur, cioè dell Espiazione. Per la madre Augusta questo è il presagio di un particolare destino della figlia. allevata, secondo la tradizione ebraica, dalla madre, donna di carattere forte e di grande fede, dalla quale si allontana presto, forse per l esempio di ateismo di alcuni suoi parenti. In seguito dirà di essere stata atea tra i tredici e i ventuno anni. Dotata di una brillante intelligenza, dopo uno splendido esame di maturità, studia filosofia a Gottinga, dove il filosofo di fama mondiale Edmund Husserl riconosce il suo talento e fa di lei la sua assistente. Ha davanti a sé una carriera di filosofa, ma decide di percorrere altre vie. L esempio di tanti cristiani, ma soprattutto la lettura degli scritti di Santa Teresa d Avila, la portano alla decisione di diventare cristiana e farsi battezzare. Insegna a Speyer, scrive libri e tiene molte conferenze, anche sulle donne nel mondo moderno. Nell anno della presa del potere di Hitler (1933), entra nell Ordine delle Carmelitane di Colonia. Con il nome di sorella Teresa Benedetta della Croce vuole prendere su di sé la croce e seguire l esempio di Gesù. pronta a mettere, senza alcuna certezza, la sua vita nelle mani di Dio. Quanto più viene a conoscenza dell odio dei nazisti per gli ebrei, tanto più prega Dio di prendere la sua vita in sacrificio per il popolo ebraico. IL SACRIFICIO Nonostante sia stata battezzata, per i nazisti rimane un ebrea: così nel 1938, abbandona la Germania e si reca in un convento carmelitano olandese, ma anche lì è di nuovo minacciata quando i nazisti invadono il paese. Edith è consapevole del pericolo imminente, il suo desiderio è quello di restare fedele a Dio in ogni situazione. arrestata insieme a sua sorella Rosa nell agosto del 1942 e deportata nel campo di concentramento di Auschwitz. Edith compie quel suo ultimo viaggio con tranquillità. Conforta le altre prigioniere, aiuta donne e bambini. Pochi giorni dopo il suo arrivo ad Auschwitz viene uccisa nella camera a gas. LA BEATIFICAZIONE Nel 1987 è stata beatificata da Papa Giovanni Paolo II ed è annoverata tra i santi della Chiesa dall 11 ottobre 1998. 143 dal rapporto del commerciante ebreo Julius Markan su Edith Stein nel lager di Auschwitz «Fra le prigioniere consegnate il 5 agosto, sorella Benedetta colpiva per la sua grande calma e tranquillità Sorella Benedetta girava fra le donne consolando, aiutando, calmando, come un angelo. Molte madri vicine alla follia, non si curavano più da giorni dei loro figli e meditavano in cupa disperazione. Sorella Benedetta si prendeva cura dei piccoli, li lavava e li pettinava, provvedeva al cibo e alle cure. Per tutto il tempo del suo soggiorno nel lager, ella si adoperò con amore nei lavaggi e nella toletta, facendo stupire tutti . Edith Stein, Espiazione mistica «Il Salvatore non è solo sulla croce... Ogni uomo che nella successione dei tempi sopportò con pazienza un destino duro pensando alle sofferenze del Salvatore e che prese su di sé volontariamente una vocazione espiatrice, ha contribuito con ciò ad alleggerire il carico enorme dei peccati dell umanità e ha aiutato il Signore a portare il suo peso. Ancora di più, Cristo, il Capo, compie l opera redentrice in quelle membra del Corpo Mistico, che si uniscono a lui in anima e corpo per la sua opera di salvezza... La sofferenza riparatrice, accettata volontariamente, è ciò che in realtà più profondamente unisce al Signore . da una lettera che Edith Stein scrisse dal convento di Echt, in Olanda, a quello di Colonia « sempre vivo in me il pensiero che non abbiamo quaggiù dimora stabile. Non ho altro desiderio se non che in me e per me si compia il volere di Dio. Da lui dipende lasciarmi qui quanto tempo vuole e quello che accadrà poi... Non c è bisogno che io mi preoccupi. Ma è necessario pregare molto, per restare fedele in ogni situazione . i testimoni Edith Stein
A CARTE SCOPERTE Guida didattica