Heidi

Heidi 7_heidi 01/12/20 10:22 Pagina 12 Johanna Spyri dici anni non si fece più vivo. Qualcuno disse che era andato a Napoli a fare il militare e che poi aveva disertato. Dissero anche che durante una rissa aveva ammazzato un uomo! Che orrore! esclamò Barbel piacevolmente eccitata. E poi e poi? Eh, calma! disse Dete che a parlare camminando in salita le era venuto il fiatone. Lasciami riprendere fiato! Hai ragione, scusa, ma è così interessante! Un bel giorno riprese Dete ricomparve a Domleschg con un ragazzo che cercò di sistemare presso qualcuno dei suoi parenti, ma nessuno accettò. Ci rimase tanto male che giurò di non rimettere mai più piede nel suo paese e, col ragazzo, si stabilì a D rfli Allora era suo figlio quel ragazzo! E la madre? Mah! Non si seppe mai niente di lei, l aveva incontrata chissà dove e subito perduta. A D rfli trovò un accoglienza migliore e siccome la nonna di mia madre e sua nonna erano sorelle, fu riconosciuta la parentela e presero tutti a chiamarlo Zio. Quando poi si ritirò nella baita in cima al monte diventò per tutti lo Zio dell Alpe . E il figlio? domandò Barbel sempre più interessata. Uff! Sediamoci un momento che non ce la faccio più! Sedettero su un masso a riposare e poco dopo Dete riprese il racconto. Il figlio, Tobias, andò a Mels a imparare il mestiere di falegname e quando tornò a casa sposò mia sorella Adelheid. Si volevano bene e vissero felici per due anni. Poi accadde la disgrazia: mentre lavorava alla costruzione di una casa gli cadde addosso una trave e morì. Adelheid non resse al dolore, si ammalò gravemente e poco dopo lo seguì nella tomba. Che storia triste mormorò Barbel sinceramente addolorata. Dillo a me! le fece eco Dete asciugandosi una lacrima. E anche il seguito fu triste perché tutti a D rfli se la presero con lo Zio e gli dissero chiaramente che quello che era accaduto a quei poveri ragazzi era la conseguenza della sua passata cattiva condotta, il castigo che si era meritato con i suoi peccati! 12

Heidi
Heidi
€ 13,21
Heidi è una bambina di cinque anni, figlia della natura, ha perduto i genitori quando aveva appena un anno e, dopo aver vissuto per alcuni anni con la zia, viene affidata al nonno che vive in montagna. Il vecchio si affeziona a lei e la bimba trascorre le giornate felice, all’aria aperta, in compagnia di un pastorello di dodici anni, Peter, che vive sull’Alpe con la mamma e la vecchia nonna cieca. La baita del nonno è isolata e solitaria ma la piccola è felice. Tre anni dopo la zia torna a prenderla per condurla con sé a Francoforte, dove dovrà fare compagnia a una ragazzina paralizzata su una sedia a rotelle, Clara Seseman. L’arrivo di Heidi, impetuosa e sincera, rasserena la sua vita, benché combini disastri e sovverta abitudini e regole di vita di tutti quanti, con la sua dolcezza Heidi conquista l’affetto di molti. Ma in città, Heidi si sente prigioniera e ha talmente nostalgia delle sue montagne che sono costretti a rimandarla a casa. Clara la raggiungerà in estate per una vacanza e il soggiorno farà migliorare le sue condizioni di salute.